Latest News

Pommard: Domaine Rebourgeon-Mure

L’insegna del domaine nel centro del villaggio di Pommard

È il giorno della Paulée de Meursault, ma per non perdere l’esercizio abbiamo fissato un incontro con David Rebourgeon a Pommard. Padre e figlio lavorano una superficie di 7 ettari con 13 denominazioni, ripartite su Beaune, Volnay e il loro comune d’origine, Pommard. David ha raggiunto l’azienda dopo alcune esperienze nel 2003 affiancando così il padre Daniel, sono persone che non cercano la ribalta ma orgogliose di lavorare con discrezione quotidianamente le proprie terre. In vigna sono impiegati trattamenti protettivi esclusivamente se obbligati dalle avverse condizioni metereologiche, mentre in cantina i metodi sono i più tradizionali possibili, con estrazioni atte a valorizzare l’eleganza dei vini.

La cantina, i vecchi cunicoli del XVII secolo

LA DEGUSTAZIONE

David Rebourgeon durante il nostro incontro

Volnay Vielles Vignes 2008 : Gli aromi sono freschi, su note di piccoli frutti e bacche di bosco, il vino è tutto sulla finezza e la discrezione, i tannini sono poco invadenti, il corpo è asciutto e leggermente sottile. Un pò semplice.

Beaune Vignes Franches 2008 : Più maturo al naso rispetto al precedente, si completano note di ciliegia, liquirizia e spezie. Slanciato e diretto, ha rigore e un finale di buona lunghezza. Manca un pò di sostanza ma è piacevole.

Volnay Santenots 2008 : Le parcelle non corrispondono alla parte più pregiata del cru, ma a quella definita du Bas. Esprime una fine e fresca definizione aromatica dove emergono note di mora, lampone, mirtilli e sfumature speziate. Ha una bella estrazione, maturità tannica e tensione, ma il finale oltre che un pò corto evidenzia oggi una mancanza d’equilibrio dovuta al recentissimo imbottigliamento. Senza paura, lasciamolo riposare qualche anno poi ne riparleremo.

Volnay Caillerets 2008 : “Les Caillerets” confinano a sud con Meursault, il nome ci indica l’origine sassosa del terreno, caratteristiche che conferiscono al vino generosità e rotondità, i tannini sono fitti, intensi e ben integrati, una pregevole acidità ne modella la forma dando vivacità alla seconda parte della bocca. Gli aromi finali sono saporiti e fruttati. Buono ++.

Pommard Clos des Arvelets 2008 : Un cru ben esposto verso sud che perviene ad equilibrata maturazione in ragione delle fresche mattinate seguite dei pomeriggi molto soleggiati. Al naso condivide maturità del frutto e freschezza data dalle sfumature floreali. Al gusto è equilibrato e vellutato, il finale non è ancora in equilibrio, presenta un tocco di salinità e lascia la bocca viva e pulita. In prospettiva molto buono.

Pommard Clos de Charmots 2008 : È un Pommard “côté Beaune” quindi non smentisce la sua femminilità ed eleganza. Ha equilibrio e morbidezza, un tocco personale di freschezza e mineralità. Gli aromi di bocca evidenziano fini sfumature di liquirizia e floreali. Al momento termina corto, ma è un vino in prospettiva seducente.

Les Grands Epenots 

Pommard 1er cru Grands Epenots 2008 : Con Les Rugiens è il più rinomato vigneto di Pommard, lo trovi proprio all’imbocco del territorio lasciandoti Beaune alle spalle. La versione degustata sovrappone generosità e potenza ad una struttura agile e profonda che dà equilibrio al vino. Al palato seduce per l’eleganza dei tannini e la qualità degli aromi. Grande materia! Sempre su altissmi standard.

Pommard 1er cru Clos des Arvelets 1999 : Gli aromi evolvono in modo piacevole: liquirizia, cassis, frutta secca, polvere, terroso, tabacco, pepe, … Ha struttura, una figura slanciata e morbidezza, il finale presenta complesse ed intriganti sfumature. Molto buono.

La degustazione era iniziata senza particolari sussulti ma poi a partire dal Volnay Caillerets ha preso l’indirizzo auspicato con vini di grande finezza ed eleganza, quindi chi ama vini concentrati e muscolosi è avvisato.

David Rebourgeon
Domaine Daniel Rebourgeon-Mûre
Grande Rue – 21630 Pommard
Tel. +33 3 80 22 75 39

Informazioni su Stefano & Giorgio ()
Giorgio Buloncelli & Stefano Ghisletta, “sommeliers per passione” Questo spazio vuole essere soprattutto un blog di approfondimento. La nostra idea è quella di scoprire e valorizzare le zone viticole e i viticoltori in grado di esprimere al massimo le caratteristiche territoriali delle singole zone. Vini ottenuti con tecniche agricole ed enologiche che esaltano l’impronta del vitigno, del territorio e la personalità del produttore, infatti la standardizzazione sta generando vini simili in ogni angolo del pianeta, appiattiti nel carattere e incapaci di sfidare il tempo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: