Ticino, annata 2008

Ricordiamo molto bene le visite nei vigneti nel settembre 2008: gli acini attaccati dalla peronospora, i problemi di fioritura e le piogge di fine estate, condizioni che hanno creato una cattiva prospettiva al millesimo.

Ricordiamo pure alcuni commenti dei produttori: ” La stagione viticola è stata molto difficile, le intense piogge primaverili e poi quelle estive hanno favorito lo sviluppo della peronospora ed  altre malattie. Nel periodo della fioritura il freddo ha impedito il regolare sviluppo, molti acini hanno sofferto e non hanno potuto iniziare la propria crescita, alcune grandinate hanno poi fatto il resto. Ci rimettiamo alla clemenza meteorologica dei prossimi giorni, sperando in una costante insolazione e in una regolare ventilazione per non compromettere l’annata …”.

Questi erano i ricordi che ci hanno accompagnato durante la presentazione ufficiale dei vini dell’annata tenutasi a Lugano. La produzione è stata piccola per cercare di garantire un minimo di qualità. Bisogna considerare che quest’annata è stritolata tra un 2007 confermatosi molto buono e un 2009 che si sta proponendo come un’ottima vendemmia. Il risultato generale della degustazione è stato discontinuo, con vini deboli di struttura e spesso poco equlibrati, ma qualche cosa di buono lo abbiamo trovato. Per prima cosa abbiamo cercato tra le piccole aziende, quelle che conoscono a fondo le proprie vigne.

 Ecco alcuni nomi che hanno colpito la nostra attenzione per aver saputo interpretare al meglio le difficili condizioni stagionali.

Come al solito sugli scudi Vincenzo e Marco Meroni. La loro gamma di prodotti riesce sempre a stupirci, ben inteso non sono sui livelli d’eccellenza dei 2007 ma sempre equilibrati e con una personalità ben presente. Dinamico il Biasca, succoso il Cardo, vigoroso il Biasca Riserva Le Pergole (nuova denominazione dal 2008) e minerale il Rampèda.

 Buoni pure i vini della coppia Kopp Von der Crone – Visini. Complesso, presente e vivo lo Scala. Speziato, elegante e vellutato il Balin.

Anche Mike Rudolph alla Tenuta Sangiorgio ha fatto un buon lavoro. I vini sono piuttosto moderni e si distinguono per l’equilibrio del Sottoroccia e le complessità e la spinta del Crescendo.

I vini di Mauro Ortelli si distinguono in ogni annata per la loro eleganza e finezza. Il suo Trii Pin ci è parso il Merlot tradizionale, cioè vinificato solo in acciaio, più completo e di grande bella bevibilità. Più strutturato, persistente e con una fine aromaticità il Novi del Drumpa.

Ad ogni vendemmia i vini di Sasha Pelossi si stanno affermando sempre più. Fine, lineare e con un fondo asprinio l’Agra Riserva, più rotondo e ancora marcato dall’ affinamento in legno il Lamone. Sono vini che necessitano di qualche anno di maturazione per essere apprezzati pienamente.

La Riserva di Colle d’Avra dà sensazioni di pienezza, equilibrio ed eleganza, accompagnati dalla dolcezza del legno. Veramente ottimo.

Su ottimi livelli anche Tenuta Bally & Von Teufenstein, un produttore dei dintorni di Lugano che non avevamo mai approfondito. Nella composizione di Riserva Ernesto e Topazio il merlot ha un’importanza inferiore rispetto alla tradizione ticinese soprattutto nel Topazio dove la prevalenza è di cabernet suvignon. La Riserva Ernesto esprime una fine definizione aromatica e una bella eleganza; nel Topazio si percepiscono fini complessità, densità e energia, associati a una pregiata maturazione in legno. Veramente ottimi.

I vini di Davide Cadenazzi, fino ad ora, li avevamo degustati solo occasionalmente. In questa occasione abbiamo voluto concedergli il tempo che si merita restando pienamente soddisfatti. Fresco e speziato il MCCX Milleduecentodieci, un assemblaggo tra merlot, cabernet franc, carminoir e gameret. Piu vigoroso, ricco e sapido il Punta Rossa, un merlot in purezza.

Come vedete in un’annata non al meglio, il territorio ticinese sa trovare risorse per dare origine a vini interessanti, basta saper scegliere…

2 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...