Latest News

Il Barolo e il suo territorio

Chi non ha mai visitato le Langhe ?

Chi non lo ha ancora fatto è invitato ad affrettarsi, sarebbe veramente un peccato mancare questo spettacolo.

Il sole sta sorgendo, le nebbie mattutine avvolgono le colline


I comuni del Barolo

La Morra, Barolo, Serralunga, Monforte e Castiglione Falletto sono senza dubbio i comuni più importanti di questo territorio a cui si aggiungono alcuni vigneti di Grinzane Cavour, Roddi, Novello, Diano d’Alba e Cherasco. Gli scenari sono incantevoli e crediamo che quando nostro Signore ha creato il mondo ha pensato a noi, amanti del vino. Ai nostri occhi questa zona appare come una successione di colline alternate a piccole vallette, le pendenze sono interamente ricoperte da vigneti e i villaggi sono disposti sui dossi.

Vista sulle Langhe

Un tempo i vini qui prodotti erano conosciuti semplicemente come Nebbiolo, il nome del vitigno che lo genera. Dopo la seconda metà del secolo scorso s’iniziò a chiamarlo Barolo, dal nome del paese dove aveva i possedimenti la contessa Giulia Colbert Falletti. Fu appunto questa nobildonna a far conoscere e meglio apprezzare il suo Nebbiolo di Barolo presso la corte dei Savoia a Torino. La tradizione voleva che questo vino fosse composto dall’assemblaggio di una o più parcelle, ma nell’ultimo decennio si è sempre più affermata un’identificazione con il territorio. Oggi si producono sempre più spesso vini con la specificazione della sotto zona, uno spirito che viene accostato a quello borgognone.

La Morra vista da Barolo

La Morra è il comune con la maggiore estensione della denominazione, un insieme di borgate e frazioni che si suddividono i vigneti situati ai piedi del villaggio, posto ad un’altezza di 500 metri. I filari scendono verso le frazioni di Santa Maria, la conca dell’Annunziata e la rocca di Croera dove si trovano i famosi Fossati, Brunate e Cerrequio, cru divisi con Barolo. I cru più riconosciuti sono: Bricco Rocca, Rocche dell’Annunziata, Bricco Luciani, Bricco Manzoni, Arborina, Fossati, Cerequio, Brunate, …

La strada panoramica che conduce da La Morra a Barolo e che attraversa i vigneti

L’abitato di Barolo è raggiungibile salendo dalla collina di Cannubi, una strada che s’immerge nei vigneti e da cui si gode un’incomparabile vista di La Morra. Da ogni parte ci si volti si vedono cartelli che indicano cantine, nomi conosciuti e che trovi sulle varie guide. La struttura dei suoli è simile a quella di La Morra condizioni che, in genere, esaltano la finezza e l’eleganza dei vini. I cru principali di Barolo sono il Bricco delle Viole, Brunate, Cannubi, Cerrequio, Fossati, La Volta, Le Coste, Sarmassa, Paiagallo, …

La collina di Cannubi da dove si ottiene uno dei Baroli più famosi

Ai piedi della collina di Cannubi proprio dove è situata la cantina di Luciano Sandrone si imbuca via Pugnane, una stradina che conduce alla Bussia. Un magnifico anfiteatro che collega Monforte d’Alba a Castiglione Falletto, comuni, con Serralunga d’Alba, uniti stessa struttura geologica dei terreni che rende i vini più austeri, mascolini, robusti e che necessitano più tempo per affermarsi.

Le terre bianche e argillose della Bussia

I nomi di questi vigneti sono riconosciuti dagli appassionati di tutto il mondo: Bussia, Ginestra, Mosconi e Le Coste a Monforte, Mariondino, Villero, Monprivato e Fiasco a Castitlione, Cerretta Paini, Baudana, Parafada, Lazzarito, Francia, Ornato e Rionda a Serralunga.

Informazioni su Stefano & Giorgio (357 Articles)
Giorgio Buloncelli & Stefano Ghisletta, “sommeliers per passione” Questo spazio vuole essere soprattutto un blog di approfondimento. La nostra idea è quella di scoprire e valorizzare le zone viticole e i viticoltori in grado di esprimere al massimo le caratteristiche territoriali delle singole zone. Vini ottenuti con tecniche agricole ed enologiche che esaltano l’impronta del vitigno, del territorio e la personalità del produttore, infatti la standardizzazione sta generando vini simili in ogni angolo del pianeta, appiattiti nel carattere e incapaci di sfidare il tempo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: