Latest News

Samuel Tinon: Aszú 5 puttonyos 2003

La regione più importante dell’Ungheria è Tokajhegyalja (Tokaji) ed è conosciuta in tutto il mondo per il suo vino passito da cui deriva il nome Aszù. I vigneti si trovano attorno alla città di Sàtoraljavjhely ed in altri 27 villaggi viticoli tra cui Tokaji. Il clima è caratterizzato da autunni lunghi e assolati e con mattinate nebbiose che favoriscono lo sviluppo della muffa nobile. Come in tutte le regioni dove sono prodotti questa tipologia di vini, lo sviluppo della Botrytis non è garantito e non è omogeneo in tutte le annate, sono quindi prodotti solamente quando le uve Furmint, Harslevelü e Muscat de Lunel raggiungono il perfetto livello di maturazione richiesto. La vinificazione degli Aszù è unica e viene eseguita nella seguente procedura: le uve vengono raccolte acino per acino man mano che sono avvolte dalla muffa nobile, sono pigiate in modo da ottenere una pasta concentrata di uva appassita; questa sarà posta in una gerla da 25 kg. dette “puttonyos”  e aggiunta a un vino base ottenuto in precedenza, tale aggiunta provoca un processo di rifermentazione che produrrà il vino Aszù. Al vino base si possono addizionare da 3 a 6 puttonyos per ogni 136 litri, tale quantità determinerà il livello di dolcezza dei vini.

Il Tokaji “Aszú Essencia” è un vino molto raro, proveniente da un apposito cru il cui valore qualitativo supera l’espressione dei Puttonyos, preparato con acini appassiti e attaccati dalla muffa nobile ed è il prodotto del mosto denso che cola dal peso degli strati di acini posti uno sopra l’altro, poi messo a fermentare in appositi boccioni di vetro per diversi anni prima di essere imbottigliato e commercializzato. Un concentrato dolcissimo, che raggiunge anche i 240 grammi a litro di zuccheri naturali e che difficilmente riesce a superare un volume alcolometrico di 6%.

Nato nel 1969 a Bordeaux,  Samuel Tinon cresce tra le vigne e i vini liquorosi dell’azienda famigliare a Château de Sainte Croix du Mont. L’avventura di Tokay inizia nel 1991, è il primo francese a trasferirsi nella regione, proprio prima i cambiamenti politici. Ci sono voluti dieci anni d’esperienze prima di lanciarsi in una produzione propria che sapesse soddisfarlo. L’azienda possiede 2 ettari nel grand cru Hatari, nel comune di d’Olaszliska, vigne orientate verso sud posizionate su colline con pendenze del 30-40%.

È un vino di grande spessore ed armonia. Si presenta in una veste colore ambra di bellissima luminosità e brillantezza. Il timbro aromatico è caldo, fine ed intenso: uva appassita, albicocca, fichi, datteri, spezie, funghi, fine botrite … Al gusto è elegante, ha un attacco opulento ma tonico e vibrante, ci dà un’equilibrata e piacevolissima dolcezza  (210 g/l di zuccheri residui !) ed un finale di formidabile livello. Chiude fresco, con una persistenza infinita e grandi complessità. Un grande vino.

Informazioni su Stefano & Giorgio (357 Articles)
Giorgio Buloncelli & Stefano Ghisletta, “sommeliers per passione” Questo spazio vuole essere soprattutto un blog di approfondimento. La nostra idea è quella di scoprire e valorizzare le zone viticole e i viticoltori in grado di esprimere al massimo le caratteristiche territoriali delle singole zone. Vini ottenuti con tecniche agricole ed enologiche che esaltano l’impronta del vitigno, del territorio e la personalità del produttore, infatti la standardizzazione sta generando vini simili in ogni angolo del pianeta, appiattiti nel carattere e incapaci di sfidare il tempo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: