Latest News

Donne & Vino, una serata dedicata alla Côte de Beaune

Con grande piacere ed orgoglio abbiamo aderito all’invito del gruppo Donne & Vino, animato da Anna Valli, Vittoria Fagetti, Marna Soli, Lisa Tenca, … di presentare una serata con tema: i vini della Borgogna.

Considerata la vastità dell’argomento abbiamo proposto di limitare la zona di discussione ai vini della Côte de Beaune. Evidentemente questa scelta sottintende a una seconda puntata per discutere dei rossi della Côte de Nuits. Una serata didattica con lo scopo di presentare il diverso carattere dei villaggi viticoli della Côte. Un tuffo in una zona che oramai conosciamo bene e che ci permette di dare sfogo a tutta la nostra passione verso una terra ricca di grandi tradizioni.

Vigneti a Puligny-Montrachet 

Corton, Beaune, Pommard, Volnay, Meursault, Puligny, Chassagne, …, l’incontro inizia con la presentazione dei comuni viticoli. La filosofia Borgognona basata sull’espressione del territorio. Qualche accenno di storia, solo il giusto necessario. La differenza tra le diverse “appellations“. Come affrontare i vini della Borgogna in degustazione. Dettagli fondamentali prima di affrontare gli assaggi. Grazie all’interesse e alle capacità delle partecipanti, la serata si è sviluppata in modo molto interessante e coinvolgente, passando dall’approfondimento dei vini a intriganti proposte d’abbinamento.

LA DEGUSTAZIONE

BOURGOGNE ALIGOTÉ 2008 – Buisson-Charles : Dopo aver parlato tanto di Chardonnay e Pinot noir, si parte da un Aligoté che genera una denominazione regionale. È una varietà abbastanza trascurata, anche se a Meursault alcuni viticoltori gli sanno dare un buon risalto. La versione di Buisson-Charles presenta un naso semplice e fresco dove viene risaltata la fragranza del vitigno. In bocca ha una bella presenza, è vivo, sapido e di discreta persistenza. Una piacevole “mise en bouche”.

MEURSAULT LES TESSON 2007 – Buisson-Charles : Rappresenta una denominazione “village” con la specifica della parcella di provenenza: Les Tesson; un cru che anno dopo anno dà prova di grande valore. È sempre molto minerale, ha finezza e dà note d’agrumi, l’affinamento in legno è ben gestito e sopportato dal vino. Al gusto offre volume, equilibrio, una bella freschezza e una lunga persistenza. Un vino che si apre molto bene e già in ottima forma, ma questo, non significa che non possa durare una quindicina d’anni.

CHASSAGNE-MONTRACHET EN REMILLY 2007 – Morey-Coffinet : En Remilly coincide con l’area più pregiata della Côte des Blancs, infatti sovrasta Montrachet e tocca Chevalier-Montrachet. È complesso e fresco, una successione d’aromi che si sviluppano nel bicchiere con grande finezza ed equilibrio: limone, mandarino, pesca, pietra focaia, pepe bianco, burro d’arachidi, … È in continua crescita, cremoso e morbido, ha energia, tensione e profondità. Tutto il suo sviluppo è accompagnato da un abbondante e piacevole salivazione. Il finale è lungo con una definizione aromatica precisa e di alta qualità. Molto buono. Che bello averne alcune bottiglie in cantina.

PULIGNY-MONTRACHET LES PUCELLES 2008 – Morey-Coffinet : Les Pucelles sono quasi vis à vis a Montrachet, le vigne sono circondate da un muro con in portale in pietra che riporta la mente all’epoca benedettina. L’annata 2008 offre un vino più corposo, al momento compatto e chiuso. Lascia intravedere equilibrio e morbidezza, manca ancora del sostegno del centro bocca, ma poi riappare nel finale. Sul piano aromatico sono evidenziate note di gesso, pietra focaia, agrumi, salvia, erbe aromatiche … . Trova ancora difficoltà nell’esprimersi al meglio; ottimo in divenire.

MEURSAULT LA GOUTTE D’OR 2008 – Buisson-Charles : La Goutte d’Or di Michel Buisson, Chaterine e Patrick Essa, si sta rivelando, anno dopo anno, tra l’élite dei 1ers crus di Meursault. Sintetizza complessità aromatiche, ricchezza di materia, struttura, acidità ed equilibrio. Ha classe, anche se per rivelarla pienamente ha bisogno diversi anni d’affinamento in bottiglia. Peccati di gioventù per un vino abituato a durare più di una decina d’anni. Un vino da acquistare e riporre gelosamente in cantina.

CORTON-CHARLEMAGNE 2006 – Domaine Poulleau : La montagna di Corton é suddivisa tra i comuni di Pernand-Vergelesses, Aloxe Corton e Ladoix-Serrigny, rappresenta l’area Grand Cru più estesa della Borgogna e ospita sia il Pinot noir (Corton) che lo Chardonnay (Corton-Charlemagne). La famiglia Poulleau è proprietaria di pochi acri nella parcella originale di “Le Charlemagne” situata su Aloxe, da cui produce poche centinaia di bottiglie. Questo 2006 si presenta oggi ancora giovane, sul piano aromatico è delicato, dà sensazione di densità, note esotiche, fumé e minerali. Al gusto è grasso, potente e caldo, ha un discreto equilibrio e un finale ancora da sviluppare. Buona la salinità finale.

POMMARD LES CHARMOTS 2006 – Vaudoisey-Creusefond : Un Pommard 1er Cru “Côté Beaune”, non rileva le complessità del 2005 ma gioca sulla brillantezza del frutto: lamponi, fragoline di bosco e altri frutti selvatici, note di kirch e speziate. L’attacco gustativo dà equilibrio, è vellutato e di buona struttura, il tutto sostenuto da una viva freschezza. Il finale è lungo e armonico, i ritorni sono di ciliegia e di pepe bianco. Gourmande !

CHASSAGNE-MONTRACHET ROUGE LES MACHERELLES 2005 – Jean Pillot : Una bella prestazione quella di questa sera. Ricco e succoso ma ben equilibrato dall’acidità, ha una carica tannica ancora da smussare, ma niente paura questo avverrà con il tempo. Comincia a sviluppare interessanti complessità: ciliegia nera, mora, fumé, radici, spezie, …, danno un bel ventaglio d’aromi. Associa la struttura di una grande annata alla finezza del territorio; molto buono.

VOLNAY- SANTENOTS 2005 – Buisson-Charles : Questo vino “nasconde” un gran potenziale non ancora espresso. Oggi i 2005 faticano ancora ad esprimersi al meglio, è il caso di questo Volnay. Il settore di Santenots anche se denominato Volnay si estende sul territorio di Meursault. La degustazione ci offre un vino un compatto e austero che fatica a prendere quota. “Tanta roba in poco spazio”. Al momento si esprimono meglio i 2006, più carezzevoli e piacevoli, ma restiamo volentieri in attesa degli sviluppi !

Informazioni su Stefano & Giorgio (357 Articles)
Giorgio Buloncelli & Stefano Ghisletta, “sommeliers per passione” Questo spazio vuole essere soprattutto un blog di approfondimento. La nostra idea è quella di scoprire e valorizzare le zone viticole e i viticoltori in grado di esprimere al massimo le caratteristiche territoriali delle singole zone. Vini ottenuti con tecniche agricole ed enologiche che esaltano l’impronta del vitigno, del territorio e la personalità del produttore, infatti la standardizzazione sta generando vini simili in ogni angolo del pianeta, appiattiti nel carattere e incapaci di sfidare il tempo.

2 Commenti su Donne & Vino, una serata dedicata alla Côte de Beaune

  1. Donne&Vino, ringrazia per la qualità dei vini e x la vostra competenza, avete preparato una serata didattica molto curata nei dettagli, dalla cartina dei vigneti di origine dei vini prodotti, alla scelta dei produttori che avete proposto e ancora complimenti x aver saputo gestire il gruppo di donne curiose e…. vivaci…. GRAZIE NonSoloDiVino !!! arrivederci alla 2a puntata…..

  2. Concordo con Anna e sottolineo che aspettiamo con ansia la seconda serie in prima serata …

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: