Latest News

Hautes-Côtes de Nuits: Domaine Hervé Murat

Due sono i motivi che ci hanno spinto a salire fin qui per incontrare Hervé Murat, il primo fu l’articolo pubblicato da Patrick Essa su Degustateurs.com nel quale trattava in maniera entusiastica il carattere dell’annata 2009. L’altro il fatto che l’amico Alex Nussbaumer tramite Vinsmotions ne commercializza i vini in Svizzera. Per raggiungere la frazione di Concoeur dove ha sede la cantina (la sede legale è a NSG) si lascia la National 74 a Nuits-Saint Georges, qui la strada comincia a salire attraversando dapprima le vigne 1ers crus del comune e la zona boschiva poi. Al 450 metri d’altitudine si apre un alto piano verdeggiante, estesi prati il cui colore è accentuato da una magnifica e soleggiata giornata, un piccolo nucleo rurale immerso in un paesaggio che ricorda molto gli altipiani della Svizzera centrale.

Gli scenari delle Hautes-Côtes tra Nuits-Saint Georges e Vosne-Romané

La cantina è ospitata in locali agricoli, l’ambiente e le attrezzature sono molto semplici e rispecchiano la discrezione del giovane Hervé Murat. La sua avventura debuttò nel 2005, ancora oggi il cuore dell’azienda è rappresentato dalle vigne di famiglia situate nelle alte terre, a cui si sono aggiunte parcelle comunali in affitto nei territori di Marsannay, Morey-Saint Denis, Chambolle-Musigny, Vosne-Romanée, Nuits-Saint Georges e Beaune per una superficie totale che si avvicina ai 4 ettari, quasi esclusivamente dedicati al pinot nero. In vigna lo spirito è quello di non intervenire troppo, si praticano lavorazioni del suolo e si va verso una direzione naturale quando le condizioni lo permettono.

I vini di Hervé Murat

Bourgogne Hautes-Côtes de Nuits Rouge “Les Herbues” corrispondono ad una parcella di un ettaro e mezzo situato tra i comuni di Concoeur e Vilars-Fontaine, una vigna che è all’origine dell’azienda di proprietà del nonno e piantata da suo padre nel 1969. Da alcuni anni ha forgiato un proprio carattere tanto da diventare un valore sicuro di questa denominazione. Il 2010 afferma una buona struttura sostenuta da un frutto croccante, grana fine, tensione e una viva mineralità, piace sul finale quel fine carattere vegetale. Una conferma dopo un 2009 di alto spessore, dove emergevano fresche note di frutti selvatici (bacche, lamponi, more) e resina. La bocca racchiude una bella concentrazione ed equilibrio, la struttura c’è, acidità e note minerali aiutano a dare persistenza e finezza. Un vino da non mancare per nessuna ragione.

Bourgogne Hautes-Côtes de Nuits Rouge “Le Clos Duc” è considerate una delle vigne più reputate di queste zone. Una magnifica parcella di 0,50 ettari situata su un versante  collinare diretto verso sud, poggia su terre poco profonde. Qui il pinot nero trova forza per dare l’ideale complessità d’espressione, un altro affarone.

Morey-Saint-Denis “Le Village” è originato da una minuscola vigna situata nel cuore di Morey, su terreni caldi e che produce 3 pièces. Questo vino fu prodotto per la prima volta nel 2008. Questo, 2009 ci offre toni maturi e un affinamento in legno ben digerito. L’attacco gustativo conferma queste sensazioni di ricchezza e generosità, una struttura ben sostenuta dall’acidità e da tannini di qualità. Il finale ha personalità e persistenza; un ulteriore conferma del valore di questi vini.

La porta di Clos des Ormes questa vigna, una volta circondata da mura, confina con Charrières

Morey-Saint-Denis 1er cru “Les Charrières” è situato in una zona di debole pendenza a nord di Morey, separato solo dalla Route des Grands Cru dal glorioso Clos de la Roche. Il 2010 gioca sulla dolcezza, la freschezza e la qualità del frutto. Un vino delicato, equilibrato e vellutato, ricco di materia ma che non manca di energia caratteristica che conferisce  freschezza, persistenza e ampiezza al finale. Molto buono.

Chambolle-Musigny “Les Echézeaux” è posizionato su colline esposte verso est, terre bruno calcaree. Il vino è raffinato, il 2010 si afferma con decisione, intenso e fresco, la grana dei tannini è sottile, il tutto è accompagnato da una bella aromaticità e da una fine mineralità. Ha persistenza ed eleganza. L’annata 2009 conferma questo carattere con maggiore forza e ampiezza. È croccante, nervoso, pieno di energia, vellutato, … racchiude grandi potenzialità, ma non scordatevi stiamo parlando solo di una parcella “village”.

Nuits-Saint-Georges “La Petite Charmotte” è una piccola parcella comunale situata a nord di Nuits-Saint Georges. Non abbiamo avuto modo di degustarlo e quindi ci dobbiamo rifare a quanto pubblicato da Patrick Essa su Degustateurs.com per l’annata 2009. “Le choc. Un village Hors Classe. Je crois que c’est la première fois que cela m’arrive ! ” quindi ragazzi affrettatevi, per nessuna ragione lo si può perdere.

420433_2779245326603_1422251297_32417911_1877359230_n

Beaune Premier Cru “Les Tuvilains” è una parcella di circa 60 anni situata tra Beaune e Pommard, 0.60 ettari posti ai piedi della collina in un settore soleggiato e argilloso. Il vino dell’annata 2009 esalta la componente varietale del pinot, ci seduce per la piacevolezza e i suoi profumi: sfumature di tabacco, un bel vegetale e frutta matura. La bocca ha equilibrio, intensità, lunghezza e una fine tessitura. Gran bel vino che affermerà ulteriormente il proprio carattere con il passare del tempo.

Cuvée Marius Clos Duc rappresenta l’ultima novità dell’azienda Murat, un vino nato nel 2009 per festeggiare i due anni di Marius, figlio di Hervé. Proviene da una selezione dell’omonima parcella denominata Hautes-Côtes de Nuits, è elevato per 24 mesi sui lieviti in fusti nuovi da 600 litri. L’assaggio è in anteprima visto che non è ancora imbottigliato, il vino afferma le ambizioni su di lui riposte, ha una bella struttura, vivacità e incisività. Un vino che probabilmente non sarà commercializzato e che resterà sulla tavola della famiglia. “Santé Marius” !

Conclusione: Hervé Murat è un giovane vigneron da tenere sotto osservazione, uno di quelli in grado da sfruttare al massimo tutte le potenzialità, sia personali che territoriali.

Merci Hervé.

Informazioni su Stefano & Giorgio (357 Articles)
Giorgio Buloncelli & Stefano Ghisletta, “sommeliers per passione” Questo spazio vuole essere soprattutto un blog di approfondimento. La nostra idea è quella di scoprire e valorizzare le zone viticole e i viticoltori in grado di esprimere al massimo le caratteristiche territoriali delle singole zone. Vini ottenuti con tecniche agricole ed enologiche che esaltano l’impronta del vitigno, del territorio e la personalità del produttore, infatti la standardizzazione sta generando vini simili in ogni angolo del pianeta, appiattiti nel carattere e incapaci di sfidare il tempo.

1 Trackback / Pingback

  1. Domaine Hervé MURAT «

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: