Latest News

Moulin à Vent Clos du Tremblay 2009 – Domaine Paul e Eric Janin

Chi conosce i vini del Beaujolais ? Ben inteso non stiamo parlando ne di Beaujolais nouveau ne di produzioni generiche che hanno contribuito nei decenni scorsi a portare questa regione francese verso il basso. È nostra intenzione parlarvi di quei produttori che oggi stanno rilanciando con la loro lavoro la noterietà di comuni come Morgon, Moulin à Vent, Fleurie, Chenas, Juliénas e Brouilly, una nuova visione che porta il gamay a rivelarsi come un grande interprete del territorio.

La lista delle aziende che si evidenziano si sta allungando anno dopo anno: Jean-Marc Burgaud, Daniel Bouland, Louis Claude Desvignes, Jules Desjourneys, Chignard, Christian Ducroux, Pascal Granger, Marie-Elodie Zighera Confuron (Clos de Metz), Jean-Paul Brun (Terres Dorées), Château Thivin,  Paul et Eric Janin, … sono in grado di offrire vini di elevata fattura, prodotti con metodi che stimolano la natura e capaci di resistere almeno una decina d’anni.

Moulin à Vent Clos du Tremblay 2009 è prodotto dall’azienda Paul e Eric Janin e fa parte di diritto dell’élite di questa regione compresa tra la bassa Borgogna e la città di Lione. L’azienda, creata negli anni ’30, fu gestita prima da Paul Janin e a partire dal 2008 dal figlio Eric, produce questo vino con grande cura e serietà. È ottenuto da una rigida selezione di uve raccolte sui 2 ettari della frazione Tremblay (oggi ribattezata Burdelines) dove sono alloggiati ceppi di età compresa tra gli 80 ei 100 anni. Le vinificazioni sono lente e si ottengono con una macerazione con bucce e raspi per una decina di giorni, poi invecchiato circa undici mesi un vecchi fusti di rovere. Il suo colore è intenso e di una tinta violacea, gli aromi sono di polpa di frutta rossa e di bacche nere, more, mirtilli e un deciso carattere speziato dove si evidenziano note di pepe; una certa somiglianza con la syrah dell’alto Rodano. L’attacco è denso e carnoso, ha energia e una trama tannica fitta, ben fusa e sottile. Il finale dà completa soddisfazione e lascia una scia di freschezza e una piacevole mineralità. Per una quindicina di euro un gran bere, assolutamente da non perdere.

Informazioni su Stefano & Giorgio (357 Articles)
Giorgio Buloncelli & Stefano Ghisletta, “sommeliers per passione” Questo spazio vuole essere soprattutto un blog di approfondimento. La nostra idea è quella di scoprire e valorizzare le zone viticole e i viticoltori in grado di esprimere al massimo le caratteristiche territoriali delle singole zone. Vini ottenuti con tecniche agricole ed enologiche che esaltano l’impronta del vitigno, del territorio e la personalità del produttore, infatti la standardizzazione sta generando vini simili in ogni angolo del pianeta, appiattiti nel carattere e incapaci di sfidare il tempo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: