Philippe Naddef a Fixin

Da Anne Marie e Philippe Naddef siamo arrivati grazie ai consigli dell’amico Patrick Maclart di Bourgogne WineBlog che ci ha introdotto la prima volta nel novembre 2010. Fu per noi una visita a sorpresa, non sapendo con chi era prevista.

L’appuntamento era fissato a Meursult, la destinazione sconosciuta. Patrick prese la direzione di Volnay, Pommard, Beaune e … via verso la Côte de Nuits. Per tutto il tragitto il gioco fu di scoprire chi avremmo incontrato di li a poco.

Chevillon a Nuits-St. Georges ? Alain Jeanniard a Morey-St. Denis ? Jerôme Galeyrand a St. Philibert ? Heresztyn a Gevrey-Chambertin ? Tutti i nostri tentativi furono sbagliati. Ma passato Gevrey-Chambertin ecco l’illuminazione, Philippe Naddef a Fixin ! “Touché” fu la risposta di Patrick.

Fummo ricevuti con molta cordialità e simpatia da Anne Marie Naddef. Fu immediatamente percepita una sensazione di positività e tranquillità che ci ha permesso di capire al meglio i loro sforzi. Con il passare degli anni le nostre visite si fecero sempre più frequenti tanto da instaurarsi uno speciale rapporto di confidenza. Se Anne Marie è una persona aperta e solare, il marito Philippe Naddef mostra un carattere più timido e riservato. Non ama parlare di sé, più che la comunicazione privilegia il lavoro sul campo, quello che svolge quotidianamente tra le sue vigne di Gevrey, Fixin e Marsannay.

L’azienda è gestita in famiglia, si estende su 6 ettari essenzialmente costituiti da vecchie vigne, oltre il 60% di queste superano i 40 anni d’età. Quasi la totalità della superficie è occupata dal pinot nero ed è suddivisa in 33 parcelle. Philippe Naddef ha iniziato l’attività in proprio nel 1983, partendo dai 2.5 ettari di vigne a Gevrey-Chambertin e provenienti dall’azienda fondata dal nonno. In seguito il patrimonio si è ampliato in direzione di Fixin e Marsannay. In vigna si pratica solo i trattamenti strettamente necessari, nessun erbicida è utilizzato. Il pinot è raccolto manualmente, se necessario, selezionato in vigna, dirraspato totalmente e fermentato in inox. La maturazione è in piccoli fusti e dura dai 16 ai 18 mesi con una proporzione di legno tra il 30 e il 100%, questo solo nel caso di Gevrey-Chambertin Les Cazetiers e Mazis-Chambertin. 

Vini & Denominazioni

Al primo assaggio i loro vini suscitarono in noi un’evidente sorpresa, mentre le successive degustazioni non lasciarono dubbi e confermarono tutta la qualità e la personalità percepita in quell’occasione. Ci si sbaglia di grosso se si pensa di trovare vini banali o di facile beva. Sono vini, anche quelli della denominazioni meno conosciute, che hanno mordente e una ruvidità tannica che si ammorbidirà esclusivamente con il lento passare del tempo. Quelli di Philippe sono vini classici apprezzati al meglio con l’invecchiamento, come confermato dagli assaggi di Gevrey-Chambertin Vieilles Vignes ’02 e Les Champeaux ’93.

Marsannay

Nasce da più parcelle disseminate nel comune di Couchey, vigne di una quarantina d’anni di età

Marsannay “Les Genelières” 

Les Genelières è una piccola vigna situata in zona collinare tra Couchey e Marsannay, è uno dei climat che probabilmente acquisiranno il diritto alla denominazione Marsannay 1er cru.

Fixin

Questo vino è prodotto da circa un ettaro di vigne situato nei comuni di Fixin e Fixey, alcune delle quali di ottima qualità. Se però pensi di trovare un vino di facile approccio e da consumare in poco tempo di sbagli di grosso.

Gevrey-Chambertin “Vieilles Vignes”

È costituito da quattro diverse parcelle con un’età media di 45 anni. Viene maturato per 16-18 mesi in fusti con una percentuale di rovere nuovo del 60% a testimoniarne l’ambizione.

Gevrey-Chambertin 1er cru Les Champeaux

Les Champeaux si trovano all’estremità nord di Gevrey, proprio al confine con Brochon. Si tratta di una piccola parcella di mezzo ettaro, vigne di 45 anni esposte verso nord-est con pendenze abbastanza rilevanti. Qui prende forma forse il più elegante 1er cru di Gevrey-Chambertin.

Gevrey-Chambertin 1er cru Les Cazetiers

Si pronuncia “le castier”. Lo “Chambertin del poveri”, come è spesso definito, è situato all’imbocco della vallata di Lavaut e confina con Clos St. Jacques, il più rinnomato 1er cru di questa zona. Si tratta di un’unica parcella con ceppi di oltre 50 d’anni d’età, è esposta verso est e posizionata su un terreno roccioso ricoperto da detriti discesi dalla vallata. Il vino affina in fusti totalmente nuovi e non subisce alcun travaso.

Mazis-Chambertin

Mazis è uno dei 9 grand cru di Gevrey-Chambertin, i suoi 9 ettari si estendono tra Chambertin-Clos de Bèze e l’abitato. Probabilmente al suo interno esistevano delle case, infatti nel dialetto locale il termine “masure” designa una casa in rovina. La parcella di Philippe Naddef copre 0.42 ettari con vigne di 60 anni. 


Anne-Marie & Philippe Naddef
Domaine Philippe Naddef
30, Route des Grands Cru
21220 Fixin


I vini di Anne-Marie & Philippe Naddef

  • Regionali: Bourgogne Blanc – Bourgogne Pinot Noir 
  • Comunali: Gevrey-Chambertin – Gevrey-Chambertin “Vieilles Vignes” – Fixin – Marsannay – Marsannay “Les Genelières” – Marsannay Blanc “Vieilles Vignes”
  • 1er cru:Gevrey-Chambertin 1 er Cru « Les Cazetiers »Gevrey-Chambertin 1 er Cru « Les Champeaux »
  • Grand Cru: Mazis-Chambertin

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...