Jean-Claude Bachelet a Saint Aubin

La gioventù non è sicuramente un difetto, sopratutto se hai  ambizioni e qualità fuori dal comune. Questo è quello che stà capitando a Benoît e Jean-Baptiste Bachelet due ragazzi di Gamay, frazione di Saint Aubin. Le loro spalle sono coperte dal padre Jean-Claude ancora oggi titolare del domaine famigliare, una persona che non fà mancare il sostegno in caso di necessità. Qui le porte sono sempre aperte, anche quando arrivi senza preavviso. Qualcuno è sempre presente in particolare monsieur Jean-Claude e signora, orgogliosi di raccontarti quanto costruito fino ad ora e lasciato nelle mani dei figli, anche se in quel francese stretto non è facile comprendere ogni parola.

L’azienda come detto si trova a Gamay un piccolo nucleo agricolo posto all’entrata di Saint Aubin, un comune dove hanno sede conosciute aziende tra le quali Hubert Lamy, Marc Colin, Larue … Un luogo situato a pochi passi dalle più rinnomate vigne di Puligny e Chassagne-Montrachet dove queste aziende spesso sconfinano. Nei comuni della Côte de Beaune il nome Bachelet è molto diffuso tanto da dare le origini a Verónica Michelle Bachelet Jeria ex presidente della Repubblica del Cile. Già nel 1630 risultano in queste zone vignaioli con questo nome fatto che conferma il legame con il territorio. Oggi l’azienda copre una decina di ettari suddivisi sui tre comuni, Saint Aubin, Chassagne e Puligny, superficie a prevalenza chardonnay.

“L’approccio è semplice e tradizionale, prevede di rispettare ogni singola territorio. La vigna è particolarmente curata, sono praticate lavorazioni del suolo e vietato l’utilizzo di prodotto chimici. Senza seguire linee guide precise cerchiamo di adottare le lavorazioni più adatte a favorire le nostre vigne. In cantina si cerca di osservare senza intervenire inutilmente sia sulle uve che sul vino, le fermentazioni sono naturali, avvengono in fusti di legno attivate esclusivamente da lieviti indigeni. La maturazione dei vini è lunga (fino a una ventina di mesi), l’uso di botti nuove è in funzione del livello della denominazione. Il principio è di accompagnare il vino nel lungo percorso permetendogli di potersi esprimere, senza però mascherarlo. Sono vini che vanno in commercio circa due anni dopo la raccolta”.

Vini & Denominazioni

Saint Aubin è un territorio importante anche se meno reputato di Meursault, Puligny e Chassagne. Qui se scegli i crus e i produttori giusti puoi fare buoni affari, sopratutto in bianco. Per salirvi si percorre la N6 che attraversa Chassagne-Montrachet, appena giunti in territorio di Saint Aubin incontriamo il settore più vocato dove si snodano le vigne di Les Charmois, Les Champlots, En Remilly, Les Murgers des Dents, …. Sono 1ers crus che sanno affermare un proprio carattere. Qui le terre sono bianche, argillose e molto calcaree, adatte allo chardonnay. Talvolta le pendenze sono forti, rivolte verso sud-est e situate ad un’altezza compresa tra i 300 e i 350 metri.

Saint Aubin 1er cru “Les Frionnes”

Si trovano sulla parte collinare ai bordi dell’abitato di Saint Aubin, vigne poco conosciute che sanno mostrarci una propria personalità.

Saint Aubin 1er cru “Les Charmois”

Les Charmois si trovano nella parte bassa di Saint Aubin proprio al confine con Chassagne-Montrachet genera vini che si potrebbero confondere con quelli prodotti dalle vigne opposte.

Saint Aubin 1er cru “Les Champlots”

Si situano nei pressi del nucleo di Gamay, una zona piuttosto umida, fredda e poco soleggiata.

Saint Aubin 1er cru “En Remilly”

En Remilly costeggia sulla destra il primo tratto della N6 in territorio di Saint Aubin provenendo da Chassagne. Dà vini di spessore e strutturati tra i migliori del comune.

Saint Aubin 1er cru “Les Murgers des Dents de Chien”

Confina con En Remilly sovrastando Puligny, ha condizioni di esposizione e microclimatici simili ai Puligny situati in altitudine come Les Champs Gains, Chalumeaux e La Garenne. È da annoverare tra i migliori tre cru del comune.

Chassagne-Montrachet è uno dei più straordinari territori dedicati allo chardonnay anche se trascurare l’importanza del pinot noir qui prodotto sarebbe un errore. Anche se l’attenzione è calamitata dai Montrachet, questa zona ha un forte carattere rappresentato da una vasta gamma di 1ers crus di cui i Bachelet sono ben rappresentati.

Chassagne-Montrachet “Les Encegnières”

Questa parcella village ha la particolarità di confinare direttamente con la parte inferiore e più pianeggiante di Bâtard-Montrachet (!), questo fattore avvantaggia il vino di una propria personalità.

Chassagne-Montrachet 1er cru “La Boudriotte”

La Boudriotte è situata nella parte bassa della collina di Chassagne.

Chassagne-Montrachet 1er cru “Les Macherelles”

Les Macherelles confinano con l’abitato di Chassagne la zona è piuttosto pianeggiante e la vigna coltivata sia in rosso che in bianco.

Chassagne-Montrachet 1er cru “Blanchot-Dessus”

Blanchot-Dessus sono il prolungamento di Montrachet in direzione sud, un fazzoletto di terra che sta mano nella mano con il “mito”.

Puligny-Montrachet è stretto tra Meursault a nord e Chassagne-Montrachet, offre esclusivamente vini bianchi molto interessanti anche se il tutto è offuscato dalla presenza nei paraggi dai Montrachet. Qui i Bachelet possiedono alcune parcelle, nel “village”, nel 1er cru Suos le Puits e nel Bienvenues-Bâtard-Montrachet. Non sono molte le aziende con sede a Puligny, in genere le vigne sono divise tra quelle dei comuni vicini (Chassagne, Meursault, Saint Aubin) o tra qualche maison de negoce.

Puligny-Montrachet “Les Aubues”

Il village dei Bachelet proviene da un’unica parcella situata nella frazione Les Aubues.

Puligny-Montrachet 1er cru “Sous le Puits”

Questo sconosciuto 1er cru si trova nella parte più elevata di Puligny proprio sopra Blagny più o meno alla stessa altitudine di Saint Aubin. Qui il clima è piuttosto fresco, la maturazione delle uve è tardiva. Una zona dove i vini riescono bene in particolare nelle annate calde e regolari.

Bienvenues-Bâtard-Montrachet

Con Chevalier-Montrachet, Bienvenues-Bâtard è l’unico Grand Cru interamente situato sul territorio di Puligny, una parcella dove i Bachelet producono in genere solo due pièces. Non certo quello accaduto in queste ultime annate. È posizionato proprio sotto Bâtard e confina con Les Pucelles, le pendenze sono lievi e poggiano su suoli calcarei e terre argillose, scure e abbastanza pesanti.


Domaine Jean-Claude Bachelet
Rue de la Fontaine
21190 Saint-Aubin
Tel.: +33 (0)3 80213101
http://www.domainebachelet.fr


I vini di Jean-Claude Bachelet

  • Regionali: Bourgogne “Chardonnay” – Bourgogne “Pinot noir”
  • Comunali: Chassagne-Montrachet “Les Encégnières” – Chassagne-Montrachet “Vieilles Vignes” (pinot noir) – Puligny-Montrachet “Les Aubues”
  • 1ers crus: Saint Aubin “Les Frionnes” – Saint Aubin “Les Champlots” – Saint Aubin “Les Charmois” – Saint Aubin “La Châtenière” – Saint Aubin “En Remilly” – Saint Aubin “Les Murgers Des Dents de Chien” – Saint Aubin “Vieilles Vignes” (pinot noir) – Saint Aubin “Derrière la Tour” (pinot noir) – Chassagne-Montrachet “Les Macherelles” – Chassagne-Montrachet “La Boudriotte” – Chassagne-Montrachet “Blanchot-Dessus” – Chassagne-Montrachet “La Boudriotte” (pinot noir) – Puligny-Montrachet “Sous le Puits” –
  • Grand Cru: Bienvenues-Bâtard-Montrachet

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...